Proposta legge reg.le istruzione e formazione

Costruiamo insieme la Legge Regionale sull'Istruzione e Formazione

È stata approvata dalla Giunta la proposta di legge sul Sistema educativo e formativo regionale.

"L'atto, ha detto il presidente Gian Mario Spacca, rappresenta un grande traguardo raggiunto al termine di un percorso d'elaborazione, di ascolto e di confronto molto importante".

Il testo approvato è infatti il frutto di un'ampia consultazione, articolata in incontri e seminari organizzati nel territorio regionale, cui hanno partecipato, apportando importanti proposte e valutazioni, rappresentanti delle autonomie locali, del mondo della scuola, degli enti di formazione professionale, dell'associazionismo, sindacati, rappresentanti delle famiglie e degli studenti.

Gli obiettivi su cui si basa la proposta sono:

  • garantire ad ogni persona e per tutto l'arco della vita l'accesso all'istruzione, il sostegno per il conseguimento del successo scolastico e formativo, l'inserimento nel mondo del lavoro, in condizioni di pari opportunità e di uguaglianza formale e sostanziale
  • favorire la prevenzione ed il recupero del disagio giovanile e della dispersione scolastica
  • garantire la valorizzazione dei saperi acquisiti e l'innalzamento dei livelli culturali e professionali
  • sostenere l'autonomia scolastica e valorizzare le istituzioni scolastiche e formative come centri di promozione umana e culturale e di partecipazione democratica
  • sostenere interventi finalizzati alla qualificazione continua degli insegnanti e dei formatori
  • introdurre nel sistema formativo del territorio innovazione e qualità, per rafforzare ed ampliare i diritti dei cittadini costituzionalmente garantiti
  • elevare i livelli di sapere, saper fare, saper essere e saper stare in relazione con gli altri, a favore di tutti e per tutta la vita
  • favorire l'integrazione dei servizi educativi con quelli sanitari, sociali, culturali e ricreativi

La rilevanza dei temi trattati, il loro impatto sul diritto di ogni "persona" ad una formazione di qualità e il dovere della Regione di porre i presupposti e di definire i capisaldi per lo sviluppo economico e sociale del territorio, hanno fatto sì che il percorso della costruzione della proposta di legge regionale interessasse non solo gli operatori coinvolti nei sistemi educativi e formativi, ma anche Enti locali, parti sociali, associazioni delle famiglie, degli studenti e singoli cittadini.

L'iter della proposta di legge prevede ora il passaggio in Consiglio per l'approvazione definitiva.