Ammortizzatori sociali in deroga 2012

CIG in deroga aziende edili - Informativa 18.6.2012
Dall’analisi delle problematiche riscontrate nelle istanze di CIG in deroga relative alle aziende (industriali e artigiane) del settore edile, è emerso che spesso nel verbale di accordo sindacale si omette la dichiarazione dell’utilizzo preventivo dello strumento ordinario della CIGO. (Come prevede l’intesa istituzionale territoriale del 25/1/2012 ) Dalle richieste di chiarimenti pervenute alla Regione appare chiaro che sempre più frequentemente la domanda di CIGO non viene presentata all’INPS in quanto verrebbe sicuramente respinta perché l’azienda non è in grado di garantire la ripresa dell’attività. Condizione purtroppo sempre più ripetuta e oggettivamente rilevabile in tutto il settore. Pertanto visto che l’ipotesi più ricorrente è quella descritta, si comunica che verranno accolte le domande di CIG in deroga presentate da aziende del settore edile anche se non hanno preventivamente utilizzato la CIGO, esclusivamente per le quali non si prevede una ripresa dell’attività. A tal fine è necessario che tale circostanza - condivisa e sottoscritta dalle OO.SS - sia chiaramente evidenziata nel verbale di accordo sindacale.

  • Si comunica che, così come avvenuto per l’anno passato, anche per il 2012 tutte le scadenze previste dall’intesa istituzionale territoriale del 25 gennaio 2012 ricadenti nel mese di agosto, sono prorogate al 20 settembre 2012.
  • In data 29 giugno 2012 presso la sede della Giunta regionale delle Marche si è siglata l'intesa che destina due milioni di euro all’area del Piceno per la proroga dell’indennità di mobilità secondo specifici criteri, in luogo della CIG in deroga di cui all’intesa 25 gennaio 2012. L’intesa è immediatamente operativa a decorre dal 1 gennaio 2012 fino a concorrenza delle risorse stanziate.
  • Si informa che in data 30 maggio 2012 è stato siglato al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali un accordo tra il Ministro Elsa Fornero e l’Assessore regionale Marco Luchetti che prevede la concessione alla Regione Marche di risorse statali per 20 mln di euro per gli ammortizzatori sociali in deroga, che dovranno essere integrati da risorse regionali (FSE) nella misura indicata dall’intesa Stato Regioni del 21 aprile 2011. Accordo tra il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e la Regione Marche